Andiamo insieme alla scoperta di Coimbra, cittadina dall’anima lusitana più preziosa e autentica.

Oggi famosa per la sua università, considerata la migliore del Portogallo nonché la più antica, Coimbra è una bellissima città, ricca di storia e cultura.

Di origini antichissime, fondata addirittura dai romani con il nome di Aeminium, Coimbra nel Medioevo è stata infatti capitale del paese lusitano per oltre un secolo.

Oggi città universitaria multietnica e cosmopolita, a Coimbra si trovano studenti di oltre 80 diversi paesi che mantengono viva e attiva la scena culturale della città. Ma oltre ad essere l’università più prestigiosa del Portogallo, è anche una delle più tradizionali. Gli studenti frequentano i corsi con le toghe nere e la vita universitaria è scandita dal codigo da praxe (lett. codice di procedura), una serie di regole e consuetudini che normano la vita universitaria. Ma vediamo insieme cosa fare a Coimbra in un giorno.

COSA VEDERE A COIMBRA

Coimbra gode di una suggestiva posizione in cima ad un’altura, che regala splendidi panorami. La maggior parte dei luoghi più interessanti si trovano nella parte alta della città, la più antica: un quartiere ricco di fascino che si dipana in un dedalo di viuzze acciottolate e ripide e che digrada lungo la collina.

La parte più recente della città – denominata Baixa – si estende invece ai piedi della collina e lungo il fiume Mondego.

Dopo aver visitato Coimbra, ho creato questo itinerario ad anello che può aiutarvi a scoprirla al meglio e che sarà semplice da seguire sia che arriviate in auto che in treno, dato che la partenza si trova nei pressi della stazione. Essendo in ogni caso un percorso circolare, potrete di fatto iniziarlo e chiuderlo dove più vi torna comodo.

1. PRAÇA 8 MAIO, CHIESA SANTA CRUZ E CAFFÈ STORICO

L’itinerario ha inizio dalla graziosa Praça 8 de Maio, su cui si affaccia una delle chiese più antiche di Coimbra.

Il Monastero di Santa Cruz, che comprende anche la Igreja de Santa Cruz, è situato nella centralissima Praça 8 de Maio, accanto al Municipio di Coimbra, e rappresenta uno dei più antichi edifici della città.

Proprio a lato della chiesa, non perdetevi una sosta al Café Santa Cruz, caffè storico di Coimbra. Qui potrete scegliere tra la sala interna ricavata in una cappella, con vetrate colorate e archi in pietra e il dehors, che si affaccia direttamente sulla piazza.


2. ARCO DE ALMEDINA E SALITA

Dopo un buon caffè al Cafè Santa Cruz, è il momento di andare alla scoperta della città alta.

Percorrete Rua Ferreira Borges e raggiungete l’Arco de Almedina, per affrontare la famosa salita che porta l’esplicativo nome di Rua Quebra Costas (lett. strada spezzaschiena).

Percorrendola fino in cima arriverete presso l’Università, ma prima vi consiglio la visita della Sé Velha.

3. SÉ VELHA

La Sé Velha, ovvero la Cattedrale Vecchia di Coimbra, è considerata una delle testimonianze più significative dell’architettura romanica portoghese.

Risale al XII sec. e la sua costruzione fu finanziata dal primo re del Portogallo, Alfonso Henriques; meraviglioso il suo chiostro duecentesco.

Continuando a salire si arriva al Museo Nacional de Machado de Castro.

4. MUSEO MACHADO DE CASTRO

Il Museo Nazionale Machado de Castro è uno dei più importanti musei del Portogallo, grazie alla sua prestigiosa collezione d’arte.

Dedicato al celebre scultore portoghese del ‘700 Machado de Castro, originario proprio di Coimbra, la collezione del museo è tra le più complete del Portogallo e comprende reperti archeologici di epoca romana, esempi di scultura gotica religiosa, dipinti e statue rinascimentali a grandezza umana, oggetti preziosi d’arte decorativa, opere di artisti fiamminghi, capolavori di gioielleria sacra dal XII al XVIII secolo, arazzi, tappeti e arredi risalenti a diversi stili ed epoche, dal manuelino al rinascimentale, dal barocco al neoclassico.

Il Museu Nacional Machado de Castro è importante anche per il luogo simbolico dove è stato edificato: è infatti ospitato nel vecchio Palazzo Vescovile, a sua volta costruito su un antico foro romano i cui resti sono visibili nel bel criptoportico, un dedalo di gallerie che corrono sotto l’edificio.

Se non avete tempo per una visita al museo, affacciatevi almeno all’ingresso per ammirare il bel porticato.

5. L’UNIVERSITÀ DI COIMBRA

Ed eccoci all’Università di Coimbra, la cui visita è a mio avviso imperdibile.

Info: La biglietteria si trova distaccata dall’ingresso dell’Università, presso la Loja da Universidade de Coimbra. I biglietti sono di varia tipologia e possono includere o meno alcune strutture. Vi consiglio senza dubbio il più completo, che comprende anche la famosa Biblioteca.

MUSEO DELLA SCIENZA

A due passi dalla biglietteria, si trova il Museu da Ciencia di Coimbra. Un interessantissimo museo che trova spazio nel Laboratorio Chimico, edificio neoclassico costruito nel XVIII secolo, per l’insegnamento della chimica sperimentale durante la riforma dell’Università iniziata dal Marchese di Pombal, che promuoveva l’idea illuminista dell’insegnamento pratico delle scienze.

La fondazione dell’Università in Portogallo data 1290, ad opera del re Dinis. È una delle più antiche d’Europa e all’epoca gli “Studi generali” funzionavano alternatamente nelle due principali città dell’epoca: Lisbona e Coimbra.

Dopo tre secoli di itineranza, il re João III insediò definitivamente l’Università a Coimbra nel 1537. Da quel momento Coimbra si afferma quale città universitaria del Portogallo.

PAÇO DAS ESCOLAS

In origine Palazzo Reale, il Paço das Escolas (lett. Palazzo delle scuole) è il cuore dell’università e ospita le varie sale in cui ancora oggi si svolgono importanti cerimonie accademiche.

SALA DEGLI ATTI

È qui che hanno luogo gli atti più importanti dell’Istituzione, come l’insediamento del Rettore, l’apertura solenne dell’anno accademico e i dottorati Honoris Causa. In origine era la Sala del Trono e intorno si possono ammirare i ritratti di tutti i re portoghesi. Fino al 1255, come dicevamo, Coimbra è stata infatti capitale del Portogallo e qui si trovava il Palazzo Reale.

Altra sala importante è la Sala do Exame Privado (sale d’esame privato) dove alcuni studenti sostenevano segretamente gli esami, durante la notte.

TORRE

La Torre Universitaria è un altro simbolo dell’Università di Coimbra, che da secoli scandisce la vita accademica con i suoi rintocchi. Nella torre, edificata tra il 1728 e il 1733, trovano infatti posto le campane che regolano il funzionamento dei rituali dell’Università, tra cui quello più noto detto curiosamente “a cabra” (la capra). In passato, l’ultima campana, al termine delle lezioni, segnava anche l’inizio del coprifuoco per gli studenti, che dovevano subito rientrare nei loro alloggi, pena l’arresto.

CAPELA DE SÃO MIGUEL

La Capela de São Miguel, o Cappella di San Michele, risale al 1290 ed è stata costruita in stile tardo gotico manuelino. 

BIBLIOTECA JOANINA

La Biblioteca Joanina è un autentico gioiello che vale da solo il viaggio a Coimbra.
Ultimata nel 1728, riunisce alcuni tra gli elementi distintivi di tutto il mondo, dall’oro del Brasile alle decorazioni di stampo orientale. Non si possono fare foto, e l’effetto sorpresa è assicurato, soprattutto se amate i libri (e la saga di Harry Potter, in cui sembra di esser stati magicamente calati).

La Biblioteca Joanina possiede circa 60.000 libri, per la gran parte anteriori al diciottesimo secolo e scritti soprattutto in latino.

Pare che nella biblioteca viva una colonia di pipistrelli, con lo scopo precipuo di alimentarsi degli insetti e delle tarme che potrebbero rovinare o distruggere le numerose e preziose opere qui conservate.

Nel 1772 il Marchese di Pombal riforma l’Università, trasformandola in un centro di sapere sperimentale che comprendeva Osservatorio Astronomico, Giardino Botanico, Laboratorio Chimico e Laboratori di Storia Naturale e Fisica Sperimentale.

PRIGIONE ACCADEMICA

Incredibile ma vero, l’Università di Coimbra – corporazione dotata di un foro privato – dal 1593 ha anche una Prigione Accademica.

Inizialmente insediata sotto la Sala dos Capelos, nel 1773 venne trasferita nel piano sottostante la Biblioteca, nei luoghi che furono presumibilmente appartenenti all’antico carcere medioevale. La prigione rimase attiva fino al 1832 e qui gli studenti dovevano scontare le loro pene disciplinari.

PATIO DA ESCOLAS

Nell’ampia piazza dell’Università si erge la statua di re Joao III, che spostò l’Università da Lisbona a Coimbra. Alle sue spalle si può ammirare un bello scorcio sulla città di Coimbra e sul fiume.

LE REPUBBLICHE

Le Republicas de Coimbra sono una caratteristica tutta peculiare di Coimbra.

Si tratta delle abitazioni degli studenti, spesso piuttosto decadenti, da loro decorate e caratterizzate da messaggi politici, ormai delle vere e proprie forme di arte urbana.

6. JARDIM BOTANICO

Creato anch’esso su iniziativa del Marchese di Pombal, nel 1772, il Giardino Botanico si estende per 13 ettari dalla città alta, nei pressi dell’Università, fino al fiume Mondego.

7. PARQUE MONDEGO

Il Parco Verde del Mondego nasce per riqualificare e valorizzare le rive del fiume Mondego, ma anche per fare da “diga” alle possibili inondazioni che potrebbero ancora danneggiare il Monastero di Santa Clara-a-Velha.

Si tratta di un ampio spazio verde, circa 400.000 mq dedicati a giardini, piste ciclabili, caffè e ristoranti costruiti su piattaforme di legno sulle acque del fiume e aree giochi per bambini.

L’attrazione principale del parco è una gigantesca scultura a forma di orso interamente ricoperta di erba finta.

8. PONTE PEDONALE E AREA SPORTIVA

Le due sponde del Parco Verde sono collegate dal ponte pedonale Pedro e Inês che attraversa il fiume Mondego, costituito da una pedana in legno e da ringhiere metalliche in cui sono inseriti vetri colorati in giallo, blu, verde e rosa. Da qui la vista sul fiume e sulle due rive di Coimbra è davvero unica e spettacolare.

Sulla riva opposta del fiume è stata costruita una spiaggia artificiale con campi per la pallavolo, aree per lo skateboard e da picnic e un molo dove noleggiare una barca, un pedalò o una canoa.

9. MONASTERI DI SANTA CLARA

Oltrepassato il ponte pedonale, sulla stessa riva del fiume Mondego è situato il Monastero di Santa Clara-a-Velha, un affascinante convento gotico legato alla figura di Isabella d’Aragona, regina del Portogallo conosciuta anche come la Rainha Santa, ovvero la Regina Santa. Fu per suo volere che iniziò, nel 1314, la fondazione del monastero per sostituire un piccolo convento di clarisse la cui costruzione cominciò nel 1286 ma che non fu mai portata a termine.

Monastero di Santa Clara-a-Velha
Monastero di Santa Clara-a-Velha

Purtroppo la vicinanza al fiume e le continue inondazioni causarono continui danni alla struttura, tanto che nel XVII secolo il re D. Joâo IV decise di far costruire un nuovo monastero in una posizione sopraelevata che fu battezzato Monastero di Santa Clara-a-Nova. Da allora il vecchio monastero fu abbandonato e solo di recente è stato ristrutturato, riportando alla luce anche interessanti reperti archeologici che oggi si possono ammirare attraverso un percorso di visita all’aperto che consente di conoscere la splendida storia di questo monumento.

Il Monastero di Santa Clara-a-Nova è l’edificio architettonico costruito nel 1649 in posizione più elevata per sostituire il precario convento gotico costruito troppo vicino alla sponda del fiume. Questo monastero in stile barocco e manierista accoglie le spoglie della Regina Santa Isabella, che nel 1677 furono trasportate in processione dall’antico monastero. Si può dire che l’intero convento sia dedicato alla memoria della regina Isabella. La sua presenza è evocata dalla statua policroma situata nell’abside della chiesa, mentre la sua storia è evocata dai pannelli collocati in una navata. Sull’altare si può ammirare la sua splendida tomba in argento e nella sagrestia sono esposti i suoi abiti.

10. PONTE SANTA CLARA – VISTA

Dopo aver visitato il Monastero, è il momento di tornare verso il centro della città, attraversando il Ponte Santa Clara, da cui si possono scattare suggestive foto della città.


11. LARGO PORTAGEM

Accanto al Ponte Santa Clara e sulle sponde del fiume Mondego, questo luogo fu inevitabilmente, per la sua posizione geografica, punto di passaggio per coloro che si spostavano tra il Nord e Sud.

Approfittando di questa caratteristica, questa piazza, che inizialmente aveva nomi diversi da quello attuale, come Largo Príncipe Dom Carlos e Largo Miguel Bombarda, iniziò ad essere utilizzata per riscuotere le tasse sui beni che transitavano attraverso la città. Dando così origine al nome di Largo da Portagem (lett. pedaggio, tassa).

12. PRAÇA COMERCIO

Da Largo de Portagem si percorre parte della bella via pedonale Rua Ferreira Borges, per discendere la Escadas do São Bartolomeu e arrivare infine a Praça do Comercio per godersi magari un meritato aperitivo da Luca o una gustosa cena in uno dei tanti localini che si affacciano sull’ampia piazza.

DOVE DORMIRE A COIMBRA

Dove alloggiare a Coimbra? Se arrivate a Coimbra in auto, il mio suggerimento è quello di trovare una più comoda struttura nella Baixa, la parte bassa, con la possibilità di parcheggiare nei pressi.

Tra le altre strutture, nella parte bassa di Coimbra, vi segnalo:

  • ArchiSuites: camere molto carine e un ottimo rapporto qualità-prezzo
  • Hotel Quinta das Lagrimas: sull’altra sponda del fiume, meraviglioso hotel di lusso in uno storico palazzo medievale, con orto botanico e SPA
  • Sophia Residences: deliziosi monolocali e appartamenti a pochi passi da un parcheggio pubblico

Se invece arrivate con i mezzi potrete anche optare per un soggiorno nell’affascinante parte alta della città, presso Lucky Number 79.

Lucky Number 79 – Per prezzi e disponibilità, cliccate qui

Per chi ama stare a contatto con la natura, a circa 8km da Coimbra Casa do Rio è una casa sul fiume con due camere da letto, patio e attrezzatura per il barbecue.

Casa do Rio – Per prezzi e disponibilità, cliccate qui

DOVE MANGIARE VEGAN A COIMBRA

Locali vegani a Coimbra:

O BURRITO

Un localino informale con pochi tavoli proprio a ridosso delle caratteristiche residenze universitarie e chiaramente specializzato in burritos, ma con vari stuzzichini.
Noi abbiamo scelto una gustosa “Frida”, con riso, zucchini, fagioli neri, peperoni rossi e cipolla e un “Fellini”, più fresco e delicato, con ceci, pomodori, rucola, patè di olive, basilico e succo di limone. E un piatto con i nachos e carotine da accompagnare con una salsa messicana, uno squisito pesto al basilico e uno sfizioso hummus di barbabietole.

Indirizzo: O burrito – Rua Mártires da Liberdade, 90, Coimbra

COZINHA COSCIENTE

All’interno di un centro commerciale d’antan, a pochi passi dal lungofiume, Cozinha Cosciente è un locale con menu vegano e macrobiotico. Il locale sembra più una mensa che un ristorante, ma la qualità del cibo è buona.

Indirizzo: Cozinha cosciente – Rua de Olivenza, 9 – 35L, Galerias Topazio, Loja 3 

Locali Vegetariani a Coimbra:

FANGAS VEG

Ristorante vegetariano con opzioni vegane in pieno centro. Servono piccole porzioni simili a tapas in modo da poter ordinare cose diverse.
Indirizzo: Fangas Veg – R. de Fernandes Thomas 45-49

GREENSIDE

Se state cercando un alternativa veg fuori dal centro storico di Coimbra, GreenSide si trova in zona Celas.

Indirizzo: GreenSide – Rua Parreiras 31

*****

Un indirizzo “per tutti” con opzioni vegetariane e vegane è Luca, in Praça do Comércio 60.

COME RAGGIUNGERE COIMBRA

Coimbra dista circa 130 km da Porto, città nel nord del Portogallo collegata all’Italia da voli diretti low cost. Da Porto potete arrivare a Coimbra in treno o autobus; la durata del viaggio è di un’ora con il treno e un’ora e mezza con l’autobus. Ci sono treni e autobus diretti anche da Lisbona: se partite da qui impiegherete circa due ore per arrivare.

Booking.com

COSA FARE A COIMBRA E DINTORNI

  • O Portugal dos Pequenitos: per chi viaggia con bambini, “Il Portogallo dei Piccoli” è un parco ludico, pedagogico e turistico che riproduce su scala ridotta un grande numero di monumenti e elementi tipici dell’architettura e storia del Portogallo.
  • A circa 70 km da Coimbra, Aveiro è stata denominata la “Venezia del Portogallo”. Vi sono collegamenti sia ferroviari dalla centrale stazione Coimbra-A ad Aveiro, che via bus (tramite la compagnia Rede Expressos).
  • Perché non approfittare della visita a Coimbra per andare alla scoperta dell’incantevole Porto?
TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Comments are closed.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: